RESTART_DEF-01

Al via a Lecce: \”Restart. l’istruzione professionalizzante volano della ripresa economica\”.

Il cinquecentesco Palazzo Vernazza di Lecce, ormai completamente restaurato e trasformato in centro di formazione ITS altamente tecnologica, apre le sue porte alla città in una due giorni organizzata dalla Fondazione Apulia Digital Maker, che vuole in questo modo lanciare un segnale di positività dopo i difficili mesi del lockdown e delle restrizioni legate alla pandemia.

Due gli appuntamenti che daranno il via anche alla ripresa dei corsi in presenza:

Lunedì 7 settembre alle ore 10, l’elegante sala convegni, denominata “Sala della torre”, ospiterà l’incontro “Restart: l’istruzione professionalizzante quale volano della ripresa economica”. Tra i relatori, Euclide Della Vista, presidente della Fondazione Apulia Digital Maker, Antonietta Zancan, dirigente del Ministero dell’Istruzione e referente per l’istruzione tecnica superiore, Anna Cammalleri, Direttore generale USC Puglia e Sebastiano Leo, assessore regionale Formazione e Lavoro. Saranno presenti anche rappresentanti dei partner di Apulia Digital Maker, quali Apulia Film Commission, Exprivia (società che si occupa di progettazione di tecnologie software anche per il mercato bancario, medicale e della P.A.), Links (società di consulenza di tecnologie dell’informazione e della comunicazione). Previsti anche gli interventi di esponenti di Confindustria, dell’Its per l’industria dell’ospitalità e del turismo, e ancora professionisti, imprenditori e rappresentanti del mondo culturale ed economico del territorio, oltre naturalmente agli studenti dell’Its.

Lo splendido edificio cinquecentesco – uno dei più antichi di tutto il Salento, con scorci architettonici che si dipanano dagli antichi messapi sino all’età del barocco – è stato completamente riallestito lo scorso anno per ospitare le aule e i laboratori dei corsi di Developer 4.0  e Digital Video Designer e altre iniziative a carattere culturale.

“Dopo la delicata fase dovuta all’emergenza Covid, la Fondazione ha deciso di promuovere  questo incontro per connotare con ottimismo e nuovo slancio  l’ufficiale riavvio delle attività formative in sede” spiega il presidente Euclide Della Vista. “L’appuntamento, infatti, è stato organizzato come un’occasione di incontro e scambio di idee tra varie realtà del tessuto produttivo, con l’obiettivo strategico di riprendere un dialogo di più ampio respiro con il territorio, che  proprio dall’innovazione digitale  e dai professionisti che stiamo formando nei nostri percorsi  può strategicamente ripartire per  avviare efficaci progettualità condivise a sostegno dell’economia e della nascita di un ecosistema imprenditoriale sempre più sintonizzato su Industria 4.0.”.

Il convegno e il successivo avvio delle attività di formazione in presenza saranno preceduti da una serata inaugurale con buffet prevista per domenica 6 settembre alle 20.30, cui seguirà il concerto di Carolina Bubbico e Cristiana Verardo. Chi desidera accedere a questo primo evento potrà farlo previo accordo con l’organizzazione – telefonico o attraverso mail a info@apuliadigitalmaker.it – che consenta di meglio programmare gli accessi rispettando le norme di sicurezza sanitaria anti Covid.

Si rinnova dunque il legame tra la Fondazione e la città di Lecce dopo la straordinaria esperienza della riapertura estiva gratuita delle Mura Urbiche. Esperienza che si rinnoverà senza dubbio sul fronte dell’utilizzo dell’hi tech per la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale di questa meravigliosa terra.  Di recente, Apulia Digital Maker ha ottenuto dal Ministero per lo Sviluppo Economico l’accreditamento di Centro di Trasferimento Tecnologico Industria 4.0: unico in Puglia e tra i soli quattro del Meridione, tale riconoscimento viene riservato ai Centri di formazione e consulenza tecnologica che erogano servizi di trasferimento tecnologico alle imprese e ai futuri loro dipendenti in settori quali la manifattura additiva (che fabbrica oggetti partendo da modelli in 3D), la realtà aumentata, la cybersecurity, il cloud, l’analisi dei big data.

I commenti sono chiusi.